arrow-leftarrow-rightclosedownload-filedownloadico-playinfolinklogo-anniversario_negativelogo-confagricolturalogo-confagricoltura_negativeplaysearchsocial-facebook-colorsocial-facebooksocial-instagram-colorsocial-instagramsocial-linkedin-colorsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twittersocial-x-colorsocial-xsocial-youtube-colorsocial-youtubeuser
News

L'UE estende i benefici commerciali per l'Ucraina

06 giugno 2023
L'UE estende i benefici commerciali per l'Ucraina | Confagricoltura Bruxelles

La sospensione dei dazi all'importazione, delle quote e delle misure di difesa commerciale sulle esportazioni ucraine verso l'Unione Europea - note come Misure Commerciali Autonome (ATM) - è in vigore per un altro anno. Questa forte testimonianza dell'incrollabile sostegno dell'UE all'Ucraina contribuirà ad alleviare la difficile situazione in cui versano i produttori e gli esportatori ucraini a causa dell'aggressione militare immotivata e ingiustificata della Russia.

L'UE sta eliminando gradualmente, entro il 15 settembre 2023, le misure preventive eccezionali e temporanee adottate il 2 maggio 2023 sulle importazioni di grano, mais, colza e semi di girasole dall'Ucraina nell'ambito della salvaguardia eccezionale del regolamento sulle misure commerciali autonome. Il campo di applicazione di queste misure è ulteriormente ridotto da 17 a 6 linee tariffarie per i 4 prodotti interessati. Queste misure temporanee e mirate sono state adottate a causa delle strozzature logistiche relative a questi prodotti in Bulgaria, Ungheria, Polonia, Romania e Slovacchia, e a condizione che gli Stati membri non mantengano alcuna misura restrittiva. L'eliminazione graduale consentirà di apportare miglioramenti significativi alle corsie di solidarietà e di affrontare le sfide per far uscire il grano ucraino dal Paese per questo raccolto.

Queste misure continuano a essere necessarie per un periodo di tempo limitato, date le circostanze eccezionali di gravi strozzature logistiche e di limitata capacità di stoccaggio del grano in vista della stagione del raccolto, riscontrate in cinque Stati membri. Come concordato, è stata istituita una piattaforma di coordinamento congiunta per coordinare gli sforzi della Commissione, della Bulgaria, dell'Ungheria, della Polonia, della Romania e della Slovacchia, nonché dell'Ucraina, al fine di migliorare il flusso degli scambi tra l'Unione e l'Ucraina, compreso il transito dei prodotti agricoli lungo i corridoi. Il vicepresidente esecutivo Valdis Dombrovskis sta guidando questo processo a livello politico. Il 2 giugno si è svolta una prima riunione di avvio di questa piattaforma di coordinamento a livello tecnico.

Il miglioramento delle corsie di solidarietà sarà quindi monitorato da questa piattaforma di facilitazione delle esportazioni.

Nel caso in cui il transito delle merci ucraine sia ostacolato da requisiti eccessivamente onerosi in uno o più dei cinque Stati membri, la Commissione valuterà nuovamente se permangono le condizioni sostanziali per l'imposizione di queste misure preventive.

Queste misure eccezionali e temporanee rispettano pienamente il forte impegno dell'UE a sostenere l'Ucraina e a preservare la sua capacità di esportare i suoi cereali, fondamentali per nutrire il mondo e mantenere bassi i prezzi dei prodotti alimentari, di fronte alle sfide poste dall'aggressione russa non provocata contro l'Ucraina e i suoi civili.

Il contesto

In vigore dal 4 giugno 2022, le ATM per la liberalizzazione del commercio con l'Ucraina hanno avuto un effetto positivo sugli scambi commerciali dell'Ucraina con l'UE. Insieme alle corsie di solidarietà, le ATM hanno garantito il mantenimento dei flussi commerciali dall'Ucraina all'UE nel 2022, nonostante le interruzioni causate dalla guerra e contro la tendenza generale di una forte diminuzione del commercio ucraino in generale.

Unilaterali e temporanee, le ATM ampliano significativamente la portata della liberalizzazione tariffaria nell'ambito dell'Area di libero scambio globale e approfondita (DCFTA) UE-Ucraina, sospendendo tutti i dazi e i contingenti in sospeso, nonché i dazi sulle misure antidumping e di salvaguardia sulle importazioni ucraine nel momento del bisogno.

Le misure preventive eccezionali e temporanee sulle importazioni di un numero limitato di prodotti dall'Ucraina sono entrate in vigore il 2 maggio 2023 e dureranno fino al 5 giugno 2023.

Le misure riguardano solo quattro prodotti agricoli - grano, mais, colza e semi di girasole - originari dell'Ucraina. Le misure eccezionali sono più mirate in termini di portata e non si applicheranno anche alle sementi da semina. Durante questo periodo, questi prodotti possono continuare a essere immessi in libera pratica in tutti gli Stati membri dell'Unione Europea tranne Bulgaria, Ungheria, Polonia, Romania e Slovacchia. I prodotti possono continuare a circolare o transitare in questi cinque Stati membri attraverso un regime di transito doganale comune, oppure essere destinati a un Paese o territorio al di fuori dell'UE.

FONTE: COMMISSIONE EUROPEA

Le più lette

Vedi tutte
Aree interne, FIIAF e La Sapienza insieme per lo sviluppo e la valorizzazione. Al via i corsi per Manager d'area
19 giugno 2024Comunicati
Aree interne, FIIAF e La Sapienza insieme per lo sviluppo e la valorizzazione. Al via i corsi per Manager d'area
Riforma fiscale e attività agricole innovative: Il ministro Lollobrigida e il viceministro Leo incontrano le imprese di Confagricoltura
19 giugno 2024Comunicati
Riforma fiscale e attività agricole innovative: Il ministro Lollobrigida e il viceministro Leo incontrano le imprese di Confagricoltura
Agricoltore custode del territorio: se ne parla in Confagricoltura Siena il 20 giugno alle 9.30
19 giugno 2024Dal Territorio
Agricoltore custode del territorio: se ne parla in Confagricoltura Siena il 20 giugno alle 9.30
Giovani: “Il ritorno alla terra? Al ralenti”. Su Italia Oggi le conclusioni del Simposio organizzato da Anga-Confagricoltura
19 giugno 2024Dicono di noi
Giovani: “Il ritorno alla terra? Al ralenti”. Su Italia Oggi le conclusioni del Simposio organizzato da Anga-Confagricoltura
Lavoro: firmato a Palazzo della Valle il rinnovo del contratto per Quadri e impiegati agricoli
18 giugno 2024Comunicati
Lavoro: firmato a Palazzo della Valle il rinnovo del contratto per Quadri e impiegati agricoli
“La riforma fiscale e lo sviluppo delle attività agricole innovative e delle agroenergie”: mercoledì 19 giugno alle 10.30 a Palazzo della Valle, convegno con gli interventi di Lollobrigida e Leo
18 giugno 2024Comunicati
“La riforma fiscale e lo sviluppo delle attività agricole innovative e delle agroenergie”: mercoledì 19 giugno alle 10.30 a Palazzo della Valle, convegno con gli interventi di Lollobrigida e Leo
Incendio Sa Marigosa. Le OP ortofrutticole sarde danno il via a una raccolta fondi per la ricostruzione e il rilancio dell’importante realtà produttiva
18 giugno 2024Dal Territorio
Incendio Sa Marigosa. Le OP ortofrutticole sarde danno il via a una raccolta fondi per la ricostruzione e il rilancio dell’importante realtà produttiva
Giansanti indica le priorità per i prossimi quattro anni di Confagricoltura
18 giugno 2024Mondo Agricolo - approfondimenti
Giansanti indica le priorità per i prossimi quattro anni di Confagricoltura
Agricoltura, ANGA: Si rafforza l'impegno dei giovani europei per l'innovazione del settore
17 giugno 2024Comunicati
Agricoltura, ANGA: Si rafforza l'impegno dei giovani europei per l'innovazione del settore
Ripristino della natura: Il voto di oggi penalizza l’agricoltura e l’attività produttiva
17 giugno 2024Comunicati
Ripristino della natura: Il voto di oggi penalizza l’agricoltura e l’attività produttiva
Chiudi