arrow-leftarrow-rightclosedownload-filedownloadico-playinfolinklogo-anniversario_negativelogo-confagricolturalogo-confagricoltura_negativesearchsocial-facebook-colorsocial-facebooksocial-instagram-colorsocial-instagramsocial-linkedin-colorsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twitter-colorsocial-twittersocial-youtube-colorsocial-youtubeuser
News

L'UE si conferma maggiore produttore mondiale di olio d'oliva

05 febbraio 2020

L'Unione europea con il 69% della produzione mondiale, è il primo produttore, esportatore e consumatore di olio d'oliva al mondo. Tuttavia, a causa del suo elevato valore economico rispetto ad altri prodotti alimentari, l'olio d'oliva resta un prodotto considerato ad alto rischio di frode. L’UE con il suo quadro normativo per il controllo di conformità e di contrasto alle pratiche fraudolente ha contribuito a migliorare la qualità dei prodotti sul mercato.
Questi sono alcuni dei principali risultati dello studio sull'attuazione dei controlli di conformità nel settore dell'olio d'oliva europeo, pubblicato oggi dalla Commissione europea.
 
L'UE dispone di norme specifiche per garantire controlli di conformità a livello nazionale e regionale la cui gestione ed esecuzione è affidata agli Stati membri.
Lo studio fornisce una panoramica del settore dell'olio d'oliva europeo e della situazione attuale in termini di controlli. La pubblicazione fornisce una valutazione sul quadro normativo dell'UE per i controlli di conformità.
Valutazione che si basa sul:

  • livello di protezione dei consumatori;
  • pratiche commerciali eque tra imprese e consumatori;
  • efficace funzionamento del mercato interno.

Lo studio individua anche quali potrebbero essere le migliori pratiche, attuabili a livello nazionale, che potrebbero contribuire a migliorare il sistema di controllo.
 
Nell'UE vi sono essenzialmente nove Stati membri produttori di olio d’oliva: Spagna (63%), Italia (17%), Grecia (14%), Portogallo (5%), Francia, Slovenia, Croazia, Cipro e Malta. Nel complesso questi Stati raccolgono un totale di circa 5 milioni di ettari di uliveti, la maggior parte dei quali dedicati alla produzione di olio d'oliva. La Spagna da sola rappresenta oltre la metà della superficie olivicola totale dell'UE, con una produzione media annua di circa 1,3 milioni di tonnellate di olio d’oliva.
 
Tra gli Stati membri non produttori, la Germania è tra i maggiori consumatori, rappresentando circa il 4% del consumo totale dell'UE. Sebbene i livelli di produzione dell'olio d'oliva garantiscano l'autosufficienza, l'UE ha un ruolo di primo piano sul mercato internazionale, sia come importatore sia come esportatore di olio d'oliva.
 
Il regime che regola il mercato dell'olio d'oliva è integrato nell'Organizzazione Comune del Mercato (OCM), che comprende ad esempio le norme per il sostegno al settore e una serie di definizioni, designazioni e descrizioni specifiche per la vendita dei prodotti olivicoli. Le norme di commercializzazione includono norme sull'imballaggio, etichettatura, autorità di controllo e sanzioni.
 
Secondo lo studio, le violazioni più comuni sono la commercializzazione dell'olio di oliva vergine come olio extra vergine di oliva, o la commercializzazione di olio d'oliva ottenuto da miscele di diversi oli vegetali (girasole, mais, palma, colza, ecc.) con olio d'oliva.
 
Per quanto riguarda il raggiungimento degli obiettivi per i controlli di conformità nel settore dell’olio d’oliva, lo studio ha rilevato che il quadro normativo europeo riesce ad offrire un’adeguata protezione al consumatore e a garantire pratiche commerciali eque nelle relazioni tra imprese e consumatori. Tuttavia, per quanto riguarda l’obiettivo di assicurare a tutto il settore europeo una condizione comune di parità, come ad esempio un funzionamento efficace del mercato interno e pratiche di commercio equo, lo studio ha indicato che tali obiettivi sono stati raggiunti solo in parte
 
Contesto
Lo studio evidenzia anche lacune e problemi che l'attuale sistema di controllo presenta, tra questi, forse il più importante, vi è la problematica relativa alla coesistenza e il coordinamento tra i diversi enti nazionali (in alcuni Stati membri, anche regionali e/o locali) e le autorità competenti per la pianificazione e l'esecuzione dei controlli di conformità. Un altro ostacolo individuato dallo studio è la mancanza di risorse in termini di personale e risorse di finanziamento per l’esecuzione dei controlli di conformità.

Le più lette

Vedi tutte
DL Rilancio: Bene le misure per il credito e il taglio del costo del lavoro nei comparti in crisi
DL Rilancio: Bene le misure per il credito e il taglio del costo del lavoro nei comparti in crisi
06 luglio 2020Comunicati
Inail: Importante conferma Bando ISI. Accolta anche nostra richiesta di partecipazione al prossimo Bando ISI Covid
Inail: Importante conferma Bando ISI. Accolta anche nostra richiesta di partecipazione al prossimo Bando ISI Covid
06 luglio 2020Comunicati
Giansanti: “No alla rinazionalizzazione della politica agricola” - Intervista su EURACTIV.IT
Giansanti: “No alla rinazionalizzazione della politica agricola” - Intervista su EURACTIV.IT
06 luglio 2020Dicono di noi
La grandine distrugge le produzioni nel Tarantino. Confagricoltura Puglia: Emiliano attivi procedura per calamità naturale
La grandine distrugge le produzioni nel Tarantino. Confagricoltura Puglia: Emiliano attivi procedura per calamità naturale
04 luglio 2020Dal Territorio
Confagricoltura Cosenza dona termoscanner e mascherine per il controllo della pandemia
Confagricoltura Cosenza dona termoscanner e mascherine per il controllo della pandemia
03 luglio 2020Dal Territorio
Mario Pezzotti: “Studiamo virus anti Covid da foglie di tabacco”
Mario Pezzotti: “Studiamo virus anti Covid da foglie di tabacco”
03 luglio 2020Dal Territorio
« Italie: les agriculteurs face à la pénurie de main-d’œuvre » – Grand Reportage di Radio France International
« Italie: les agriculteurs face à la pénurie de main-d’œuvre » – Grand Reportage di Radio France International
02 luglio 2020Dicono di noi
Europa, Confagricoltura: IGP "Mele del Trentino" riconosce l'impegno di un distretto produttivo di assoluta eccellenza
Europa, Confagricoltura: IGP "Mele del Trentino" riconosce l'impegno di un distretto produttivo di assoluta eccellenza
01 luglio 2020Comunicati
Apicoltura in Commissione Agricoltura al Senato. Cirone, FAI: “Non chiamateci amatori, siamo attività d'interesse nazionale”
Apicoltura in Commissione Agricoltura al Senato. Cirone, FAI: “Non chiamateci amatori, siamo attività d'interesse nazionale”
01 luglio 2020Comunicati
Proroga PAC, Confagricoltura: Intesa positiva
Proroga PAC, Confagricoltura: Intesa positiva
30 giugno 2020Comunicati
Chiudi