arrow-leftarrow-rightclosedownload-filedownloadico-playinfolinklogo-anniversario_negativelogo-confagricolturalogo-confagricoltura_negativesearchsocial-facebook-colorsocial-facebooksocial-instagram-colorsocial-instagramsocial-linkedin-colorsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twitter-colorsocial-twittersocial-youtube-colorsocial-youtubeuser
News

Nuovo studio sulle Indicazioni geografiche: un tesoro europeo che vale 75 miliardi di euro

21 aprile 2020

Ieri la Commissione europea ha pubblicato uno studio dalla quale emerge che le vendite di prodotti agroalimentari e di bevande il cui nome è tutelato dall'Unione europea come "Indicazione geografica" (IG) rappresentano un valore di 74,76 miliardi di euro. Oltre un quinto di tale importo deriva dalle esportazioni al di fuori dell'Unione europea. Dallo studio è emerso che il valore delle vendite dei prodotti con nome tutelato è in media doppio rispetto a quello di prodotti simili senza certificazione. 
 
Janusz Wojciechowski, commissario per l'Agricoltura, ha dichiarato:
"Le indicazioni geografiche europee rispecchiano la ricchezza e la diversità dei prodotti che il nostro settore agricolo ha da offrire. I benefici per i produttori sono chiari. Possono vendere a un prezzo più elevato a consumatori che cercano prodotti regionali genuini. Le indicazioni geografiche sono un elemento fondamentale dei nostri accordi commerciali. Proteggendo i prodotti in tutto il mondo, ne impediamo l'uso fraudolento dei nomi e preserviamo la buona reputazione dei prodotti agroalimentari e delle bevande europei. Le indicazioni geografiche tutelano il valore locale a livello mondiale."
 
I prodotti alimentari europei sono noti per essere sicuri, nutrienti e di alta qualità. I metodi di produzione tradizionali contribuiscono all'obiettivo dell'UE di proporsi come standard mondiale anche in termini di sostenibilità della produzione alimentare.
 
I regimi di qualità dell'UE mirano a proteggere i nomi di determinati prodotti per promuoverne le caratteristiche uniche, legate alla loro origine geografica e alle competenze radicate nella regione. I nomi dei prodotti rientrano nel sistema dei diritti di proprietà intellettuale dell'UE, che li tutela giuridicamente contro imitazioni e abusi. I prodotti agroalimentari e i vini sono protetti come denominazioni di origine protetta (DOP) e indicazioni geografiche protette (IGP), mentre le bevande spiritose sono protette come indicazioni geografiche (IG). L'UE protegge inoltre le specialità tradizionali garantite (STG), che mettono in risalto gli aspetti tradizionali dei prodotti senza un legame con una specifica zona geografica. Il valore delle vendite dei prodotti agroalimentari etichettati come STG ammonta a 2,3 miliardi di euro.
 
Lo studio si è basato su tutti i 3 207 nomi di prodotti protetti nei 28 Stati membri dell'UE alla fine del 2017 (alla fine di marzo 2020 il numero totale di nomi protetti è salito a 3 322). Esso conclude che il valore delle vendite dei prodotti con nome tutelato è in media doppio rispetto a quello di prodotti simili senza certificazione. 
 
Secondo lo studio, vi è un evidente beneficio economico per i produttori in termini di commercializzazione e di aumento delle vendite, grazie all'elevata qualità e reputazione di questi prodotti e alla disponibilità dei consumatori a pagare per ottenere i prodotti autentici.
 
Queste le principali conclusioni dello studio.
 

  • Notevole valore delle vendite: nel 2017 le vendite di indicazioni geografiche e di specialità tradizionali garantite hanno rappresentato complessivamente un valore stimato di 77,15 miliardi di euro, ossia il 7 % del valore delle vendite totali del settore alimentare e delle bevande europeo, che nel 2017 era stimato a 1 101 miliardi di euro. I vini hanno rappresentato oltre la metà del predetto valore (39,4 miliardi di euro), i prodotti agricoli e alimentari il 35 % (27,34 miliardi di euro) e le bevande spiritose il 13 % (10,35 miliardi di euro). Dei 3 207 nomi di prodotti che risultavano registrati nel 2017 (sia IG che STG), il 49 % era costituito da vini, il 43 % da prodotti agroalimentari e l'8 % da bevande spiritose.

 

  • Maggiore vantaggio in termini di prezzo per i prodotti protetti: il valore delle vendite dei prodotti oggetto dello studio è stato in media doppio rispetto a quello di prodotti simili senza certificazione. Il tasso del premio di valore si attestava a 2,85 per i vini, 2,52 per le bevande spiritose e 1,5 per i prodotti agricoli e alimentari.

 

  • Una politica autenticamente europea: ogni paese dell'UE produce prodotti il cui nome è protetto a livello dell'UE e che costituiscono il fiore all'occhiello del patrimonio gastronomico tradizionale delle regioni e il motore economico del settore agroalimentare nazionale.

 

  • Esportazioni delle indicazioni geografiche: le indicazioni geografiche rappresentano il 15,5 % del totale delle esportazioni agroalimentari dell'UE. I vini continuano ad essere il prodotto più importante, in termini sia di valore complessivo delle vendite (51 %) che di scambi extra-UE (50 %). Gli USA, la Cina e Singapore sono le principali destinazioni dei prodotti a indicazione geografica dell'UE, rappresentando la metà del valore delle esportazioni di prodotti IG.

 
Per garantire che la politica dell'UE in materia di qualità continui a dare i risultati migliori, dal 4 novembre 2019 al 3 febbraio 2020 è stata condotta una consultazione pubblica online per raccogliere le osservazioni dei portatori di interesse sull'argomento. Tra i risultati principali, è emerso che la maggioranza dei partecipanti alla consultazione ritiene che i regimi di qualità dell'UE generino benefici sia per i produttori che per i consumatori. La relazione di sintesi fornisce un quadro dettagliato delle osservazioni ricevute nella consultazione pubblica.
 
Contesto
Le denominazioni di origine protetta (DOP), le indicazioni geografiche protette (IGP) e le indicazioni geografiche (IG) per le bevande spiritose offrono ai consumatori la garanzia che i prodotti che ne sono contraddistinti sono effettivamente prodotti nella loro specifica regione di origine, grazie a competenze e tecniche radicate nella regione. La principale differenza tra le DOP e le IGP è legata alla percentuale di materie prime provenienti dalla zona oppure alle fasi del processo di produzione che devono obbligatoriamente svolgersi nella regione specifica. Tra i prodotti rinomati con etichetta IG troviamo ad esempio: Bayerisches Bier, Champagne, Irish Whiskey, olive Kalamata, Parmigiano Reggiano, Polish Vodka, Queso Manchego e Roquefort.
 
L'etichetta "specialità tradizionale garantita (STG)", invece, mette in risalto gli aspetti tradizionali, quali il metodo di produzione tradizionale o la composizione tradizionale, senza un legame con una specifica area geografica. Tra i prodotti rinomati con etichetta STG rientrano Bacalhau de Cura Tradicional Portuguesa, Amatriciana tradizionale, Hollandse maatjesharing e Kriek.
 
L'UE ha concluso più di 30 accordi internazionali che consentono il riconoscimento di numerose indicazioni geografiche dell'UE al di fuori dei suoi confini e il riconoscimento delle indicazioni geografiche dei paesi terzi nell'UE. Le indicazioni geografiche hanno un ruolo sempre più importante nei negoziati commerciali tra l'UE e altri paesi. La Commissione destina inoltre circa 50 milioni di euro ogni anno alla promozione dei prodotti di qualità nell'UE e in tutto il mondo.
 
FONTE: Commissione europea 20.04.2020

Le più lette

Vedi tutte
DL Rilancio: Bene le misure per il credito e il taglio del costo del lavoro nei comparti in crisi
DL Rilancio: Bene le misure per il credito e il taglio del costo del lavoro nei comparti in crisi
06 luglio 2020Comunicati
Inail: Importante conferma Bando ISI. Accolta anche nostra richiesta di partecipazione al prossimo Bando ISI Covid
Inail: Importante conferma Bando ISI. Accolta anche nostra richiesta di partecipazione al prossimo Bando ISI Covid
06 luglio 2020Comunicati
Giansanti: “No alla rinazionalizzazione della politica agricola” - Intervista su EURACTIV.IT
Giansanti: “No alla rinazionalizzazione della politica agricola” - Intervista su EURACTIV.IT
06 luglio 2020Dicono di noi
La grandine distrugge le produzioni nel Tarantino. Confagricoltura Puglia: Emiliano attivi procedura per calamità naturale
La grandine distrugge le produzioni nel Tarantino. Confagricoltura Puglia: Emiliano attivi procedura per calamità naturale
04 luglio 2020Dal Territorio
Confagricoltura Cosenza dona termoscanner e mascherine per il controllo della pandemia
Confagricoltura Cosenza dona termoscanner e mascherine per il controllo della pandemia
03 luglio 2020Dal Territorio
Mario Pezzotti: “Studiamo virus anti Covid da foglie di tabacco”
Mario Pezzotti: “Studiamo virus anti Covid da foglie di tabacco”
03 luglio 2020Dal Territorio
« Italie: les agriculteurs face à la pénurie de main-d’œuvre » – Grand Reportage di Radio France International
« Italie: les agriculteurs face à la pénurie de main-d’œuvre » – Grand Reportage di Radio France International
02 luglio 2020Dicono di noi
Europa, Confagricoltura: IGP "Mele del Trentino" riconosce l'impegno di un distretto produttivo di assoluta eccellenza
Europa, Confagricoltura: IGP "Mele del Trentino" riconosce l'impegno di un distretto produttivo di assoluta eccellenza
01 luglio 2020Comunicati
Apicoltura in Commissione Agricoltura al Senato. Cirone, FAI: “Non chiamateci amatori, siamo attività d'interesse nazionale”
Apicoltura in Commissione Agricoltura al Senato. Cirone, FAI: “Non chiamateci amatori, siamo attività d'interesse nazionale”
01 luglio 2020Comunicati
Proroga PAC, Confagricoltura: Intesa positiva
Proroga PAC, Confagricoltura: Intesa positiva
30 giugno 2020Comunicati
Chiudi