arrow-leftarrow-rightclosedownload-filedownloadico-playinfolinklogo-anniversario_negativelogo-confagricolturalogo-confagricoltura_negativeplaysearchsocial-facebook-colorsocial-facebooksocial-instagram-colorsocial-instagramsocial-linkedin-colorsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twitter-colorsocial-twittersocial-youtube-colorsocial-youtubeuser
News

Passo decisivo di UE e USA per porre fine alla controversia nel settore aeronautico

15 giugno 2021

Valdis Dombrovskis, Vicepresidente esecutivo della Commissione europea, e Katherine Tai, Rappresentante degli Stati Uniti per il Commercio, hanno raggiunto un’intesa sugli aeromobili civili di grandi dimensioni, dando vita, dopo quasi 17 anni di controversie, a una piattaforma collaborativa orientata al futuro per affrontare le questioni bilaterali e le sfide globali. Entrambe le parti cercheranno ora di superare divergenze di lunga data per evitare future controversie e mantenere condizioni di parità tra i costruttori di aeromobili, adoperandosi anche per evitare l’insorgere di nuove dispute. L’UE e gli USA hanno inoltre convenuto di sospendere per un periodo di cinque anni l’applicazione di dazi punitivi per un valore di 11,5 miliardi di $, che danneggiano imprese e cittadini su entrambe le sponde dell’Atlantico. Le due parti collaboreranno per analizzare e affrontare congiuntamente le pratiche contrarie al mercato di soggetti terzi, che potrebbero nuocere alle imprese europee e americane del settore degli aeromobili civili di grandi dimensioni.

La Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha dichiarato: “Con l’accordo su Boeing-Airbus oggi abbiamo compiuto un importante passo verso la risoluzione della più lunga controversia commerciale nella storia dell’OMC. Sono felice di constatare che, grazie agli sforzi profusi dalla Commissione europea e dall’Amministrazione statunitense, il nostro partenariato transatlantico sta per raggiungere la velocità di crociera, il che dimostra che vi è un nuovo spirito di collaborazione tra l’UE e gli USA e che possiamo risolvere le altre questioni con reciproco vantaggio. Insieme possiamo ottenere risultati concreti per i nostri cittadini e le nostre imprese.”

Valdis Dombrovskis, Vicepresidente esecutivo della Commissione europea, ha aggiunto: “Con questo accordo stiamo ponendo fine alla controversia Airbus-Boeing. È la prova che le relazioni transatlantiche stanno ingranando una marcia superiore e che possiamo collaborare con gli Stati Uniti per affrontare controversie di lunga data. Ora abbiamo il tempo e la sede per trovare una soluzione duratura grazie al nuovo gruppo di lavoro sugli aeromobili, facendo al contempo risparmiare miliardi di € di dazi agli importatori su entrambe le sponde dell’Atlantico.”

Nell’ambito dell’intesa su un quadro di cooperazione in materia di aeromobili civili di grandi dimensioni, le due parti hanno espresso l’intenzione di:

  • istituire un gruppo di lavoro sugli aeromobili civili di grandi dimensioni, guidato dai rispettivi ministri del Commercio;
  • erogare finanziamenti a condizioni di mercato a favore dei costruttori di aeromobili civili di grandi dimensioni;
  • finanziare ricerca e sviluppo attraverso un processo aperto e trasparente, e rendere ampiamente disponibili i risultati ottenuti con le attività di ricerca e sviluppo interamente finanziate dallo Stato, nella misura consentita dalla legge;
  • non concedere finanziamenti per ricerca e sviluppo o altri aiuti specifici (come sgravi fiscali specifici) ai propri costruttori, se così facendo si danneggerebbe l’altra parte;
  • collaborare per far fronte alle pratiche contrarie al mercato di soggetti terzi, che potrebbero danneggiare le rispettive industrie costruttrici di aeromobili civili di grandi dimensioni;
  • continuare a sospendere l’applicazione delle contromisure, per un periodo di 5 anni, evitando così miliardi di € di dazi a carico degli importatori su entrambe le sponde dell’Atlantico.

La controversia tra l’Unione europea e gli Stati Uniti in materia di aeromobili civili di grandi dimensioni (Large Civil Aircraft, LCA), nota anche come controversia Airbus-Boeing, è la più lunga nella storia dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC).

È iniziata nel 2004, quando gli Stati Uniti hanno presentato un ricorso all’OMC contro l’UE, sostenendo che l’UE stava sovvenzionando illegalmente Airbus, costruttore europeo di aeromobili civili di grandi dimensioni. Nel maggio 2005 l’UE ha a sua volta presentato una denuncia contro gli USA per gli aiuti illegali concessi a Boeing.

A seguito delle decisioni dell’OMC, sia gli Stati Uniti (nell’ottobre 2019) che l’UE (nel novembre 2020) hanno imposto sulle reciproche esportazioni dazi punitivi che hanno interessato, complessivamente, 11,5 miliardi di $ di scambi commerciali tra le due parti. Di conseguenza, le imprese dell’UE e degli Stati Uniti hanno dovuto pagare dazi per oltre 3,3 miliardi di $.

Prossime tappe

UE e USA proseguiranno le discussioni per mettere in pratica le loro intenzioni per quanto riguarda i finanziamenti, i fondi per ricerca e sviluppo e gli aiuti specifici a favore del comparto degli aeromobili civili di grandi dimensioni.

La controversia UE-USA in materia di aeromobili in cifre

Le contromisure statunitensi nella controversia Airbus hanno interessato 19 diverse categorie di prodotti, tra cui aeromobili, vini e alcolici, prodotti lattiero-caseari o macchinari, per un valore di 7,5 miliardi di $. I dazi ammontavano al 15 % sugli aeromobili e al 25 % sui prodotti non aeronautici. Per pagarli gli importatori statunitensi hanno dovuto spendere circa 2,2 miliardi di $.

Le contromisure dell’UE nella controversia Boeing hanno interessato 130 diverse categorie di prodotti, tra cui aeromobili, frutta a guscio, tabacco, alcolici, borse o trattori, per un valore di 4 miliardi di $. I dazi erano del 15 % sugli aeromobili e del 25 % sui prodotti non aeronautici e per pagarli gli importatori europei hanno dovuto spendere circa 1,1 miliardi di $.

Gli ultimi sviluppi della controversia UE-USA in materia di aeromobili

Nel maggio 2018 l’organo d’appello, massimo organismo decisionale dell’OMC, ha constatato che l’UE e gli Stati membri non si erano pienamente conformati alle precedenti decisioni dell’OMC. Di conseguenza, l’OMC ha autorizzato gli Stati Uniti ad adottare contromisure nei confronti delle esportazioni europee per un valore fino a 7,5 miliardi di $. Gli Stati Uniti hanno applicato tali misure nell’ottobre 2019.

Nel marzo 2019 l’organo d’appello dell’OMC ha confermato che gli Stati Uniti stavano continuando a sovvenzionare illegalmente il loro costruttore di aeromobili Boeing, a scapito di Airbus, dell’industria aerospaziale europea e dei suoi numerosi addetti. Dopo aver ricevuto l’autorizzazione dell’OMC, l’UE ha applicato contromisure a 4 miliardi di $ di esportazioni statunitensi nell’UE (nel novembre 2020).

Nel luglio 2020 Airbus e alcuni Stati membri hanno annunciato misure decisive volte a garantire il pieno rispetto degli obblighi internazionali derivanti dalla decisione dell’OMC contro l’UE e hanno invitato gli Stati Uniti a revocare le contromisure nei confronti dell’UE.

Il 5 marzo 2021 l’Unione europea e gli Stati Uniti hanno concordato di sospendere per quattro mesi tutti i dazi di ritorsione sulle esportazioni UE e USA applicati nell’ambito delle controversie Airbus e Boeing. La sospensione ha consentito a entrambe le parti di concentrarsi sulla risoluzione di questa annosa controversia.

FONTE: COMMISSIONE EUROPEA

Le più lette

Vedi tutte
Gasolio agricolo, la Regione Sicilia accoglie le richieste di Confagricoltura: si continua con le procedure cartacee in attesa del sistema digitale
Gasolio agricolo, la Regione Sicilia accoglie le richieste di Confagricoltura: si continua con le procedure cartacee in attesa del sistema digitale
05 gennaio 2022Dal Territorio
Caro energia: Ridotti i cicli di lavorazione agroalimentare. Senza un intervento straordinario, a rischio la tenuta della filiera.
Caro energia: Ridotti i cicli di lavorazione agroalimentare. Senza un intervento straordinario, a rischio la tenuta della filiera.
18 gennaio 2022Comunicati
Caro energia: Aumenti insostenibili. Intervenire a sostegno delle imprese e accelerare sulle rinnovabili
Caro energia: Aumenti insostenibili. Intervenire a sostegno delle imprese e accelerare sulle rinnovabili
20 gennaio 2022Comunicati
Lavoro: garantire futuro e occupazione alla filiera tabacchicola
Lavoro: garantire futuro e occupazione alla filiera tabacchicola
18 gennaio 2022Comunicati
Grana Padano e Parmigiano Reggiano a confronto al MaMu: unità d'intenti per un futuro sempre piu' roseo
Grana Padano e Parmigiano Reggiano a confronto al MaMu: unità d'intenti per un futuro sempre piu' roseo
21 gennaio 2022Dal Territorio
DL Sostegni ter: bene i 50 milioni contro la peste suina
DL Sostegni ter: bene i 50 milioni contro la peste suina
21 gennaio 2022Comunicati
Aviaria: settore a rischio, Confagricoltura chiede alle banche la sospensione delle rate dei prestiti e la rinegoziazione delle esposizioni
Aviaria: settore a rischio, Confagricoltura chiede alle banche la sospensione delle rate dei prestiti e la rinegoziazione delle esposizioni
20 gennaio 2022Comunicati
Lavoro e Decreto flussi 2021: Massimiliano Giansanti a 'Radio anch'io' con Giorgio Zanchini
Lavoro e Decreto flussi 2021: Massimiliano Giansanti a 'Radio anch'io' con Giorgio Zanchini
19 gennaio 2022Dicono di noi
Servizio civile, ENAPA: Ancora pochi giorni per candidarsi
Servizio civile, ENAPA: Ancora pochi giorni per candidarsi
14 gennaio 2022Comunicati
Peste suina: Bene l’ordinanza a tutela del patrimonio suinicolo nazionale
Peste suina: Bene l’ordinanza a tutela del patrimonio suinicolo nazionale
14 gennaio 2022Comunicati
Chiudi