arrow-leftarrow-rightclosedownload-filedownloadico-playinfolinklogo-anniversario_negativelogo-confagricolturalogo-confagricoltura_negativeplaysearchsocial-facebook-colorsocial-facebooksocial-instagram-colorsocial-instagramsocial-linkedin-colorsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twitter-colorsocial-twittersocial-youtube-colorsocial-youtubeuser
News

Studio di valutazione della Commissione europea sull'impatto della PAC sui cambiamenti climatici e sulle emissioni di gas serra

06 giugno 2021

La Commissione europea ha pubblicato la scorsa settimana uno studio di valutazione sull'impatto della PAC sui cambiamenti climatici e sulle emissioni di gas a effetto serra.

Le emissioni di gas serra (GHG) dell'UE dall'agricoltura sono diminuite di oltre il 20% dal 1990, ma sono rimaste stagnanti dal 2010. Tuttavia, poiché la produzione agricola ha continuato a crescere, l'impronta climatica per unità di prodotto ha continuato a migliorare. Tuttavia, è necessaria un'ulteriore riduzione delle emissioni per raggiungere gli ambiziosi obiettivi climatici dell'UE per il 2030 (raggiungendo almeno una riduzione del 55% delle emissioni entro il 2030 nell'UE).

La PAC ha contribuito a ridurre le emissioni di gas serra. La mitigazione si ottiene principalmente proteggendo gli stock di carbonio esistenti, in particolare grazie al mantenimento di praterie permanenti supportate da sistemi di pascolo estensivo. Esiste il potenziale per aumentare ulteriormente lo stoccaggio del carbonio nei suoli dell'UE. In termini di adattamento climatico, si ottiene principalmente attraverso il sostegno alla diversità delle colture e dei sistemi agricoli, il sostegno agli investimenti per l'adattamento alle nuove condizioni climatiche, la limitazione dell'erosione del suolo e il miglioramento della resilienza alle inondazioni. Tuttavia, una migliore destinazione del sostegno della PAC porterebbe a un aumento dell'efficienza.

Questi sono tra i principali risultati della valutazione dell'impatto della PAC sui cambiamenti climatici e sulle emissioni di GHG.

La valutazione rileva inoltre che la riduzione delle emissioni dei suoli agricoli gestiti è affrontata meglio nella PAC rispetto alla riduzione delle emissioni del bestiame, principalmente a causa della natura dei pagamenti e del sostegno della PAC. Tuttavia, gli allevatori svolgono anche un ruolo chiave nella gestione di vaste aree di terreno, che sono (o potrebbero essere) serbatoi di carbonio (soprattutto quando si gestiscono vaste aree di prati permanenti e pascoli magri). Lo sviluppo rurale sostiene la riduzione delle emissioni nel settore zootecnico attraverso varie misure, come alcuni impegni agroambientali per quanto riguarda la gestione dei mangimi o del letame o investimenti in risorse fisiche per quanto riguarda lo stoccaggio del letame, il ricovero degli animali o l'installazione di digestori anaerobici. Il sostegno accoppiato volontario nel settore zootecnico ha il potenziale per favorire sistemi economicamente vulnerabili e importanti per la resilienza del territorio. Tuttavia, possono potenzialmente avere impatti negativi, quando l'impatto climatico e le esigenze di adattamento territoriale non sono adeguatamente considerati nella progettazione del programma.

Il contributo principale dei seminativi deriva da una migliore gestione del territorio, sostenuta principalmente da impegni agro-ambientali-climatici e misure di agricoltura biologica; così come le colture azotofissatrici, come l'erba medica e la soia, sostenute in particolare dall'inverdimento e dal sostegno accoppiato. Tuttavia, la PAC ha ottenuto minori riduzioni delle emissioni sui pascoli intensivi o sui seminativi. Il sostegno alle aree soggette a vincoli naturali aiuta a prevenire l'abbandono della terra e la perdita di praterie, ma l'impatto positivo sulla mitigazione del clima (ad esempio proteggendo gli stock di carbonio nel suolo) non è garantito, poiché dipende dalle pratiche degli agricoltori sulla terra. Le misure di gestione del territorio volte alla mitigazione di solito contribuiscono anche all'adattamento climatico. Tuttavia, nel complesso, gli Stati membri non hanno adattato sufficientemente la PAC ai fini dell'adattamento (ad esempio la condizionalità), quindi il suo potenziale non è sfruttato appieno. Si può fare di più per diffondere la conoscenza e consigliare gli agricoltori su tecniche e pratiche per migliorare le prestazioni climatiche.

La valutazione ha inoltre evidenziato il ruolo dello screening per il 'disadattamento' che potrebbe evitare la spesa pubblica in infrastrutture o settori che possono aumentare la vulnerabilità nel medio-lungo termine, come infrastrutture irrigue inefficienti in aree con risorse idriche esaurite, o promuovendo un'eccessiva specializzazione delle intere aree geografiche. La valutazione rileva che le misure della PAC sono coerenti in termini di azione per il clima, ma alcuni elementi dell'ampio disegno della PAC (ad esempio l'esenzione dall'inverdimento dei beneficiari del regime per i piccoli agricoltori, il sostegno accoppiato volontario) non sono pienamente coerenti con gli obiettivi climatici. Tuttavia, le misure della PAC incentrate sul clima sono coerenti con altre politiche dell'UE che affrontano il cambiamento climatico.

Le più lette

Vedi tutte
Gasolio agricolo, la Regione Sicilia accoglie le richieste di Confagricoltura: si continua con le procedure cartacee in attesa del sistema digitale
Gasolio agricolo, la Regione Sicilia accoglie le richieste di Confagricoltura: si continua con le procedure cartacee in attesa del sistema digitale
05 gennaio 2022Dal Territorio
Caro energia: Ridotti i cicli di lavorazione agroalimentare. Senza un intervento straordinario, a rischio la tenuta della filiera.
Caro energia: Ridotti i cicli di lavorazione agroalimentare. Senza un intervento straordinario, a rischio la tenuta della filiera.
18 gennaio 2022Comunicati
Caro energia: Aumenti insostenibili. Intervenire a sostegno delle imprese e accelerare sulle rinnovabili
Caro energia: Aumenti insostenibili. Intervenire a sostegno delle imprese e accelerare sulle rinnovabili
20 gennaio 2022Comunicati
Lavoro: garantire futuro e occupazione alla filiera tabacchicola
Lavoro: garantire futuro e occupazione alla filiera tabacchicola
18 gennaio 2022Comunicati
Grana Padano e Parmigiano Reggiano a confronto al MaMu: unità d'intenti per un futuro sempre piu' roseo
Grana Padano e Parmigiano Reggiano a confronto al MaMu: unità d'intenti per un futuro sempre piu' roseo
21 gennaio 2022Dal Territorio
DL Sostegni ter: bene i 50 milioni contro la peste suina
DL Sostegni ter: bene i 50 milioni contro la peste suina
21 gennaio 2022Comunicati
Aviaria: settore a rischio, Confagricoltura chiede alle banche la sospensione delle rate dei prestiti e la rinegoziazione delle esposizioni
Aviaria: settore a rischio, Confagricoltura chiede alle banche la sospensione delle rate dei prestiti e la rinegoziazione delle esposizioni
20 gennaio 2022Comunicati
Lavoro e Decreto flussi 2021: Massimiliano Giansanti a 'Radio anch'io' con Giorgio Zanchini
Lavoro e Decreto flussi 2021: Massimiliano Giansanti a 'Radio anch'io' con Giorgio Zanchini
19 gennaio 2022Dicono di noi
Servizio civile, ENAPA: Ancora pochi giorni per candidarsi
Servizio civile, ENAPA: Ancora pochi giorni per candidarsi
14 gennaio 2022Comunicati
Peste suina: Bene l’ordinanza a tutela del patrimonio suinicolo nazionale
Peste suina: Bene l’ordinanza a tutela del patrimonio suinicolo nazionale
14 gennaio 2022Comunicati
Chiudi