arrow-leftarrow-rightclosedownload-filedownloadico-playinfolinklogo-anniversario_negativelogo-confagricolturalogo-confagricoltura_negativeplaysearchsocial-facebook-colorsocial-facebooksocial-instagram-colorsocial-instagramsocial-linkedin-colorsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twitter-colorsocial-twittersocial-youtube-colorsocial-youtubeuser
Zootecnia

Suinicoltura, crisi: in Piemonte il primo di una serie di incontri sul territorio con gli allevatori

25 novembre 2020
Suinicoltura, crisi: in Piemonte il primo di una serie di incontri sul territorio con gli allevatori - Zootecnia | Confederazione Generale dell'Agricoltura Italiana

Intervenire subito a salvaguardia del comparto suinicolo, ancora un volta penalizzato dal calo dei consumi a causa della pandemia, dall’aumento delle carni in arrivo dalla Germania, a causa della peste suina africana e conseguente chiusura dell’export verso la Cina, e da uno slittamento dell’indicazione di origine in etichetta. E’ quanto hanno chiesto al Governo gli allevatori piemontesi durante il webinar “Crisi del settore suinicolo: non è solo colpa del Covid” organizzato da Confagricoltura Cuneo lo scorso 24 novembre alla presenza dei vertici associativi e di numerosi allevatori. Parte così dal Piemonte il primo di una serie di incontri sul territorio che hanno l’obiettivo di trovare soluzioni in grado di invertire il trend di nuovo negativo del settore e rallentare la discesa dei prezzi ormai sotto la soglia dei costi di produzione. I prossimi incontri sul territorio si svolgeranno in Lombardia e proseguiranno poi in Emilia Romagna, toccando tutte le regioni più vocate per la suinicoltura.

“Il surplus che si è creato in Germania in seguito alla peste suina africana e la sospensione dei ritiri da parte della Cina – ha spiegato il presidente di Confagricoltura Cuneo e Piemonte, Enrico Allasia – hanno creato un mix di condizioni particolarmente negative che sono destinate ad aggravarsi ancora tra gennaio e febbraio quando si prevede che in europa possano accumularsi numerose partite di suini non macellati. Non possiamo più aspettare, serve un intervento immediato della politica a difesa del settore”. Il comparto è di grande rilevanza in Piemonte dove si contano 2.750 allevamenti suinicoli, per un totale di circa 1 milione e 290mila capi e in particolare nella provincia di Cuneo, leader con circa 913mila suini allevati in 844 stalle.

“Una prima risposta dalla politica l’abbiamo avuta – prosegue Allasia – perché la prossima settimana ci sarà un’audizione in Senato in commissione Agricoltura”. All’incontro hanno infatti partecipato anche i senatori Giorgio Maria Bergesio e Mino Taricco, entrambi in Commissione Agricoltura, e Paolo Demarchi, consigliere della Regione Piemonte.

“A livello nazionale – ha spiegato il presidente nazionale della Federazione suinicola di Confagricoltura, Claudio Canali – abbiamo chiesto al ministero delle Politiche agricole di intervenire per bloccare i prezzi  salvaguardando in questo modo tutti gli attori della filiera, dall’allevatore al macellatore. Questa sarebbe la misura più efficace in questo momento di calo dei prezzi, quella che potrebbe dare un aiuto immediato al comparto evitando così di richiedere nuovi aiuti quando la situazione diventerà ancora più grave”.

Il presidente nazionale del settore suinicolo ha anche sollecitato  un’applicazione immediata dell’indicazione di origine in etichetta prevista per il 16 novembre, ma posticipata al 31 gennaio 2021 da una circolare del Mise.

“Qualora fossero attivati degli interventi a sostegno della filiera in crisi  – ha aggiunto Canali – chiediamo, però,  di premiare solo chi utilizzerà nella trasformazione produzioni suinicole italiane”. (F. B.)

Le più lette

Vedi tutte
In vigore da oggi i nuovi adempimenti per i datori di lavoro. In difficoltà le imprese agricole per le conseguenze della siccità
In vigore da oggi i nuovi adempimenti per i datori di lavoro. In difficoltà le imprese agricole per le conseguenze della siccità
13 agosto 2022Comunicati
Nuovi adempimenti per i datori di lavoro, Giansanti: “Necessaria una proroga, insostenibili nuovi oneri burocratici in questo momento: la siccità ha stravolto il calendario delle raccolte”
Nuovi adempimenti per i datori di lavoro, Giansanti: “Necessaria una proroga, insostenibili nuovi oneri burocratici in questo momento: la siccità ha stravolto il calendario delle raccolte”
09 agosto 2022Comunicati
La storia della startup Hiweiss su StartupItalia
La storia della startup Hiweiss su StartupItalia
12 agosto 2022Dicono di noi
Frutta estiva: mercato rallentato dalle vacanze, nonostante l’ottima qualità. Timori per l’incognita autunno
Frutta estiva: mercato rallentato dalle vacanze, nonostante l’ottima qualità. Timori per l’incognita autunno
12 agosto 2022Comunicati
Elezioni, pensionati ANPA: "Farsi guidare dal buon senso per dare prospettive e fiducia ai cittadini"
Elezioni, pensionati ANPA: "Farsi guidare dal buon senso per dare prospettive e fiducia ai cittadini"
18 agosto 2022Comunicati
Campagna raccolta carrube, Confagricoltura Ragusa: servono più controlli da parte delle Forze dell’Ordine
Campagna raccolta carrube, Confagricoltura Ragusa: servono più controlli da parte delle Forze dell’Ordine
05 luglio 2021Dal Territorio
Nutriscore, lo stop dell’Antitrust nasce da una segnalazione fatta da Confagricoltura: ne parla il presidente Giansanti sul Sole 24 Ore
Nutriscore, lo stop dell’Antitrust nasce da una segnalazione fatta da Confagricoltura: ne parla il presidente Giansanti sul Sole 24 Ore
06 agosto 2022Dicono di noi
Etichettatura alimenti, l’Antitrust accoglie i rilievi di Confagricoltura e ribadisce i limiti del Nutriscore: è fuorviante per i consumatori e può indurre all’ingannevolezza
Etichettatura alimenti, l’Antitrust accoglie i rilievi di Confagricoltura e ribadisce i limiti del Nutriscore: è fuorviante per i consumatori e può indurre all’ingannevolezza
04 agosto 2022Comunicati
Sardegna, maltempo nel Sud dell'isola devasta orticole, vigneti e serre
Sardegna, maltempo nel Sud dell'isola devasta orticole, vigneti e serre
13 agosto 2022Dal Territorio
Vendemmia: calano i volumi, ma sulla qualità vince chi ha lavorato bene in vigna. Castellucci: aumentano i costi, attenzione ai mercati
Vendemmia: calano i volumi, ma sulla qualità vince chi ha lavorato bene in vigna. Castellucci: aumentano i costi, attenzione ai mercati
08 agosto 2022Comunicati
Chiudi