arrow-leftarrow-rightclosedownload-filedownloadico-playinfolinklogo-anniversario_negativelogo-confagricolturalogo-confagricoltura_negativeplaysearchsocial-facebook-colorsocial-facebooksocial-instagram-colorsocial-instagramsocial-linkedin-colorsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twittersocial-x-colorsocial-xsocial-youtube-colorsocial-youtubeuser
Mondo Agricolo news

Ponso, presidente Federazione nazionale Frutticoltura: ”Trovare alternative alla riduzione dei principi attivi per la protezione delle colture”

30 giugno 2022
Ponso, presidente Federazione nazionale Frutticoltura: ”Trovare alternative alla riduzione dei principi attivi per la protezione delle colture” -  Mondo Agricolo news | Confederazione Generale dell'Agricoltura Italiana

La riduzione dei principi attivi e, soprattutto la proposta di regolamento UE che riduce del 50% l’uso dei prodotti fitosanitari entro il 2030 al centro di un Tavolo di confronto tra Italia, Francia, Spagna e Portogallo, i maggiori produttori ortofrutticoli europei, che si è svolto in streaming il 27 giugno. Il tema era stato calendarizzato nel corso di un primo incontro organizzato in presenza a Lisbona nel mese di maggio.

“Per il settore ortofrutticolo si tratta di una delle questioni più urgenti da affrontare e approfondire, come quelle legate all’aumento dei costi, alla mancanza di manodopera e ai rapporti con la Gdo”, ha spiegato il presidente della Federazione nazionale Frutticoltura di Confagricoltura, Michele Ponso, presente anche alla riunione del “Gruppo di contatto”, che ha coinvolto 48 partecipanti tra operatori e rappresentanti sindacali provenienti dai quattro Paesi.

“La UE, in base alla strategia Farm to fork, vuole arrivare a ridurre almeno del 50% le sostanze attive impiegate nella difesa delle colture - ha precisato Ponso -. Un obiettivo condivisibile dal punto di vista teorico, ma solo se sono disponibili alternative in grado di garantire la protezione delle colture. I prodotti fitosanitari proteggono le coltivazioni dalle avversità e permettono di ottenere produzioni che rispettano gli standard richiesti dal mercato. Di fronte all’esplosione delle fitopatie legate ai cambiamenti climatici, la difesa diventa un tema cruciale. Anche la lotta biologica può essere, ad esempio, uno strumento di difesa, se attuata tempestivamente durante la campagna e senza ritardi legati alla burocrazia, come successo per il rilascio della vespa samurai come antagonista della cimice asiatica”.

Italia, Francia, Spagna e Portogallo, come Paesi leader dell’ortofrutta europea, dovranno far fronte comune scongiurando il rischio di una riduzione delle produzioni e di un aumento dei costi a carico delle aziende agricole. “La proposta penalizza le nostre imprese senza offrire alcuna soluzione all’utilizzo della chimica - sottolinea Ponso -. Nel mio intervento ho spiegato che la ricerca di alternative alle sostanze attive messe al bando dal mercato presuppone un rilancio della ricerca in questa direzione, magari anche nel campo delle biotecnologie. I fondi per sostenere queste attività, tuttavia, sono in continua diminuzione”.

Altra nota dolente sono i dossier fitosanitari che creano disparità di trattamento tra Paesi UE e i Paesi extra-UE. “Non è giusto – spiega il presidente della Federazione nazionale frutticoltura di Confagricoltura – che i produttori europei non possano utilizzare sostanze attive che sono invece impiegate nei prodotti importati da altri Paesi. Chiediamo alla UE che imponga il rispetto di queste regole e pari opportunità di trattamento tra tutti i produttori”. (F.B.)

Le più lette

Vedi tutte
Investire nel verde pubblico per affrontare i cambiamenti climatici: una priorità per l’Italia
17 aprile 2024Comunicati
Investire nel verde pubblico per affrontare i cambiamenti climatici: una priorità per l’Italia
Crédit Agricole Italia prima banca ad operare con il Pegno Rotativo per il mondo del vino. Incontro organizzato da Crédit Agricole Italia e Confagricoltura nello spazio dell’Associazione a Vinitaly
17 aprile 2024Comunicati
Crédit Agricole Italia prima banca ad operare con il Pegno Rotativo per il mondo del vino. Incontro organizzato da Crédit Agricole Italia e Confagricoltura nello spazio dell’Associazione a Vinitaly
Cicloturismo: oggi in Confagricoltura siglata partnership tra la FCI e Agriturist
17 aprile 2024Comunicati
Cicloturismo: oggi in Confagricoltura siglata partnership tra  la FCI e Agriturist
Agronetwork e il Cluster nazionale Agrifood presentano a Vinitaly il Position paper sugli effetti dell’assunzione di vino in modo responsabile
17 aprile 2024Comunicati
Agronetwork e il Cluster nazionale Agrifood presentano a Vinitaly il Position paper sugli effetti dell’assunzione di vino in modo responsabile
Il ruolo della digitalizzazione nelle imprese agricole: il presidente Giansanti su Italia Oggi
17 aprile 2024Dicono di noi
Il ruolo della digitalizzazione nelle imprese agricole: il presidente Giansanti su Italia Oggi
Vinitaly, Castellucci a Telepace: “Mondo del vino capace di reagire al complesso momento che sta vivendo”
17 aprile 2024Dicono di noi
Vinitaly, Castellucci a Telepace: “Mondo del vino capace di reagire al complesso momento che sta vivendo”
Vino, consumi e mercati. Il confronto con Ismea e i Consorzi nello stand di Confagricoltura a Vinitaly
16 aprile 2024Comunicati
Vino, consumi e mercati. Il confronto con Ismea e i Consorzi nello stand di Confagricoltura a Vinitaly
Bene lo sblocco del credito d'imposta per gli investimenti 4.0 effettuati tra il 2023 e il 2024. Si proceda subito con decreto attuativo
16 aprile 2024Comunicati
Bene lo sblocco del credito d'imposta per gli investimenti 4.0 effettuati tra il 2023 e il 2024. Si proceda subito con decreto attuativo
Agronetwork a Vinitaly con "Le bevande in Italia: tematiche e tendenze"
16 aprile 2024Comunicati
Agronetwork a Vinitaly con "Le bevande in Italia: tematiche e tendenze"
Vinitaly, Giansanti a RDS: “Momento importante per promuovere la grande distintività del vino italiano”
16 aprile 2024Dicono di noi
Vinitaly, Giansanti a RDS: “Momento importante per promuovere la grande distintività del vino italiano”
Chiudi